IL RITORNO ALLA CASA DEL PADRE DI MONS. ETTORE CUNIAL

Spiacente e rammaricato della non tempestività della notizia e del non esserci uniti al cordoglio di tutto il mondo scout cattolico per il vuoto lasciato dal ritorno alla Casa del Padre di Mons. Ettore Cunial il giorno 7 ottobre 2005 avvenuto nella sua Possagno (TV) pochi giorni prima che avesse compiuto il suo 100 compleanno abbiamo voluto non far mancare la nostra, seppur silenziosa, presenza alla Santa Messa in Suffragio celebrata Domenica 19 Novembre 2005 alle ore 11.30 nella Chiesa di Sant'Ignazio (nell'omonima piazza) in occasione proprio del centenario della sua nascita.
La Celebrazione è stata organizzata dal Centro Astalli e presieduta dal Padre Gesuita Francesco de Lucca.
Molti ricorderanno Mons. Ettore Cunial quando nel Settembre 1954 venne nominato Assistente Generale dell'A.S.C.I.
I più giovani forse ne apprendono solamente ora la sua esistenza.
Fu anche Assistente del MASCI ed Assistente della Conferenza Internazionale Cattolica sullo Scautismo.
Il sottoscritto che invece ha avuto la fortuna di conoscerlo in un recente passato ama ricordarlo quando da Assistente del Circolo San Pietro voleva attorno a se gli scout della rinata A.S.C.I. affinché animassero la pia pratica della Via Crucis all'interno del Colosseo e del suo modo, sempre fresco ed affabile del Capo Scout (fratello maggiore dei fatelli maggiori), con il quale accompagnava gli scout intervenuti (dai Lupetti ai Rover e le Scolte) non solo con le parole, ma anche con l'insegnamento (prezioso) della vita vissuta in mezzo a tanti giovani che inviata alla meditazione che la strada, quella che ciascun scout percorrere, non può che essere quella che conduce all'unica meta che è Cristo Crocifisso, morto e Risorto, vivo e presente in mezzo a noi. Soleva infatti dire che l'unica vetta che valesse veramente la pena di scalare era il Calvario.

Buona Strada Don Ettore!

Grillo Parlante!     

IL RITORNO ALLA CASA DEL PADRE DI MONS. ETTORE CUNIALultima modifica: 2005-11-22T19:03:51+01:00da asci_blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento