EDITTO PER LA CAUSA DI BEATIFICAZIONE DI PAPA WOJTYLA

RESO NOTO DAL TRIBUNALE DEL VICARIATO DI ROMA L'ATTO UFFICIALE PER LA RACCOLTA DI NOTIZIE E SCRITTI SU GIOVANNI PAOLO II.

 

La sera del Sabato 2 aprile 2005,mentre si era già entrati nel giorno del Signore,  ottava di Pasqua e domenica della Divina Misericordia, il Signore ha chiamato a sé dal Palazzo Apostolico Vaticano il Santo Padre Giovanni Paolo II.
Il Servo di Dio, uomo di intensa vita di preghiera, Pastore instancabile della Chiesa Universale e testimone coraggioso del Vangelo di Cristo, affidandosi totalmente alla volontà di Dio ed alla Vergine Maria, ha ribadito nel suo vasto e ricco Magistero la centralità del mistero eucaristico nella vita della Chiesa, additando ad ogni battezzato come primario l'impegno per la santità, definita "misura alta della vita cristiana".
Essendo esplosa in modo eclatante al momento della morte la sua fama di santità, che già godeva in vita, ed essendo stato formalmente richiesto di dare inizio alla causa di beatificazione e canonizzazione del Servo di Dio, nel portarne a conoscenza la comunità ecclesiale, invitiamo tutti e singoli i fedeli a comunicarci direttamente o a far pervenire al Tribunale diocesano del Vicariato di Roma – Piazza San Giovanni in Laterano, 6 – 00184 Roma – tutte quelle notizie, dalle quali si possano in qualche modo arguire elementi favorevoli o contrari alla fama di Santità del detto Servo di Dio.
Dovendosi, inoltre, raccogliere, a norma delle disposizioni legali, tutti gli scritti a lui attribuiti, ordiniamo, col presente editto, a quanti ne fossero in possesso, di rimettere con debita sollecitudine al medesimo Tribunale qualsiasi scritto, che abbia come autore il Servo di Dio, qualora non sia già stato consegnato alla postulazione della causa.
Ricordiamo che col nome di scritti non s'intendono soltanto opere stampate, che peraltro sono già state raccolte, ma anche i manoscritti, i diari, le lettere ed ogni altra scrittura privata del Servo di Dio.
Coloro che gradissero conservarne gli originali potranno presentarne copia debitamente autenticata.
Stabiliamo, infine, che il presente Editto rimanga affisso per la durata di due mesi alle porte del Vicariato di Roma, nonché della Curia di Cracovia, e che venga pubblicato sulla Rivista diocesana di Roma, e sui quotidiani l'Osservatore Romano e Avvenire.
 

Dato in Roma, dalla sede del Vicariato, il 18 maggio 2005.

 

Card. Camillo Ruini – Vicario Generale
Giuseppe Gobbi – Notaro

EDITTO PER LA CAUSA DI BEATIFICAZIONE DI PAPA WOJTYLAultima modifica: 2005-06-02T19:12:17+02:00da asci_blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento