IN PIAZZA SAN PIETRO C’ERA ANCHE L’A.S.C.I.

Venerdì 7 Aprile 2005 una data che passerà sicuramente alla storia per aver assistito al solenne commiato di un "Grande".
Un "Grande" reso ancor di più tale per aver saputo riunire attorno a se, anche se per un tempo brevissimo, i "grandi" della terra.
Quegli stessi "grandi" che hanno saputo solamente dimostrare quanto. al contrario, sono "piccoli".
Piccoli perché pieni di se stessi, del loro orgoglio, del loro essere, del loro "potere" e non si sono accorti che invece, proprio quel "Grande", aveva offerto loro la possibilità di divenire anch'essi "Grandi".
Sarebbe bastato poco. Sarebbe bastato semplicemente che un uomo, un solo uomo tra i tanti annoverati come "grandi" e "potenti" della terra, avesse avuto il coraggio di prender la parola ed, omaggiando proprio quel "Grande", avese invitato tutti gli altri ad abbandonare se stessi, ad avere coraggio, ad aprire "senza paura" le braccia a Cristo unendosi, tutti, in un lungo abbraccio di "Pace".
Allora si che sarebbe stato tutto "Grande"! Sarebbe stata l'apoteosi di un pontificato!
E… invece ancora una volta hanno saputo solamente dimostrare di essere dei "piccoli" che giocano a fare i "grandi"; ancora una volta è stata un'occasione perduta.
Peccato Santo Padre, ma di sicuro ancora una volta hai voluto lasciare una tua traccia perché, al contrario di loro, la tua "Grandezza" si è compiuta nella semplicità del tuo esser Padre lungo tutta la tua missione terra.
La semplicità ancora una volta voluta anche per la tua bara sulla quale, simbolicamente, ma così fortemente rappresentata è scorsa, con un alito di vento, quello che solitamente tu Padre Santo solevi anche appellare come "Spirito" divino, la tua vita di Pastore nelle pagine del vangelo che scorrendo velocemente hanno chiuso un capitolo "grandioso" della nostra storia contemporanea.
Noi dell'A.S.C.I. non abbiamo potuto far altro che assistere, come milioni di altri convenuti, impotenti ed affranti per la tua perdita.
Accompagnandoti nelle nostre preghiere abbiamo condiviso il dolore di altri nostri fratelli per la perdita del nostro Fratello di Strada, del nostro Capo.
Tu, precedendoci, ci hai sempre indicato la via che conduce al Padre.
Siamo certi, ed a te affidiamo le nostre angosce e preoccupazioni, che ora che sei affacciato non più alla finestra del tuo studio, ma alla finestra della Casa del Padre vorrai benedirci ancora una volta e sostenerci con il tuo sguardo per rassicurarci nell'andare avanti.
Buona Strada Fratello Santo Padre!
IN PIAZZA SAN PIETRO C’ERA ANCHE L’A.S.C.I.ultima modifica: 2005-04-12T13:57:09+02:00da asci_blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento