LETTERA DEL PRESIDENTE – 22 FEBBRAIO 2005 “Giornata del Ricordo”

 Carissimi Fratelli e Sorelle Scout, nella vita e nel cuore!

Il tempo compie la sua corsa veloce e cerca di annullare in ciascuno di noi immagini di vita vissuta, storie fantastiche ed avventure, ma noi scaut, che abbiamo assaporato il gusto di una formazione sana e veramente serena, non deponiamo il nostro entusiasmo e la nostra voglia di essere veri cittadini del mondo.

Il nostro legame, fatto di affetti, di gioia, di voglia di vivere, può, e deve, ancora essere la nostra ancora di salvezza e questo possiamo realizzarlo soltanto se riusciamo ad essere legati l''uno all''altro.

Lo scoutismo ci offre sempre, in ogni stagione della vita, una possibilità per realizzare ancora i nostri sogni, i nostri progetti!

Desidero, perciò, che tutti voi riformiate le fila di una storia che ci ha legato, vivendo, per quanto ci è possibile, una esperienza entusiasmante, fatta di piena e leale solidarietà, di vera fratellanza nel rispetto della Legge e della Promessa che un giorno abbiamo amato farne i baluardi del nostro essere.

            Vi chiamo, quindi, Tutti, a fare quadrato, e con le canzoni del nostro passato, che sono le note del nostro futuro, a rincamminarci Insieme sulla strada dello scoutismo.

Pietro Manetti con i suoi sacrifici e con immenso spirito di abnegazione personale e famigliare ci ha aperto una strada che noi abbiamo il dovere di continuare a tracciare, quale punto di riferimento per tanti giovani che si affidano alle nostre cure e tradizioni. Allora, nel suo nome, e soprattutto nel suo spirito, facciamo vivere il detto: "una volta scaut, sempre scaut!".
Mettiamoci l'uniforme, indossiamo il nostro fazzolettone speciale, riformiamo la catena di fratellanza e rendiamoci disponibili per ciò che possiamo ancora fare, e sono convinto che ciò che possiamo ancora fare l'uno per l'altro sia ancora molto, se non altro ci sentiremo membri di una grande famiglia che abbraccia chiunque possiede la voglia e il desiderio di essere vicino al "Fratello di Strada!".

L'occasione propizia per la realizzazione di questa avventura avverrà nel "giorno del ricordo" (22 febbraio – nascita di Baden Powell, nostro maestro di vita e fondatore dello scoutismo mondiale) con il seguente programma:

!   Ore 16,30 appuntamento nella Chiesa dell'Immacolata – Via Monza n. 21 angolo via Taranto;

!   Ore 17.00 S. Messa celebrata dal nostro Assistente Generale, in suffragio del nostro Pietro Manetti e dei nostri fratelli e sorelle di strada: Mikaela, Alfredo Pantini, Erasmo e Livio Imperato, Gigino Pace, Aldo Pasquali,Silvio Pagnotta, Sergio Crescenzi, Claudio Celletti, Angelo Sartor. E agli Assisenti Spirituali: Don Ugo, Don Paolo, Don Marcello, Don Carlo che hanno aiutato e condiviso la nostra Strada.

!   Ore 18,00 Rinnovo della Promessa e cerimonia del fazzolettone con i quali chi lo desidera può riprendere la Strada interrotta da più o meno tempo nella Grande Famiglia Scaut.

Al termine, tanto per festeggiare il momento di gioia e serenità per l'incontro tanto atteso un bel Rinfresco nel nome della fraternità che ci lega in ogni istante della nostra vita di scaut e di uomini e donne di un mondo fatto di vera umana solidarietà!

Una forte stretta di mano scaut e… Coraggio, lasciamo cadere ogni ostacolo ed ogni riserva personale, abbattiamo le incomprensioni e vedrete che Insieme, uniti ce la faremo!

 

Il Presidente ASCI
Gianfranco Salzillo (Gianni)

LETTERA DEL PRESIDENTE – 22 FEBBRAIO 2005 “Giornata del Ricordo”ultima modifica: 2005-02-24T14:55:54+01:00da asci_blog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento